Mondo Pesca/Pescasub

L'Azzurro di Tunaria
9 Ottobre 2018 ore 09:56

L'Azzurro di Tunaria

Gianfranco Loi, numero 2 nel ranking nazionale pescasub più recente, si racconta: dagli esordi nell’acqua azzurra di Tunaria ai Campionati mondiali con la maglia altrettanto azzurra.
Alberto Belfiori

Il Medio Campidano, oggi provincia del Sud Sardegna, ha da sempre espres-so, sulla fascia costiera e le acque antistanti, una vocazione viscerale per la pesca amatoriale, al pari di Oristanese e Sulcis-Iglesiente. Il territorio è stato la culla del surfcasting ma anche la nursing di un impressionante numero di pescatori subacquei. Guspini in particolare, cittadina alle estre-me propaggini occidentali della piatta e fertile striscia campidanese, vanta alcuni nomi che di storia salata ne hanno fatta. Ci è piaciuto, questo mese, “presentarvi” un personaggio conosciuto e stimato per le sue capacità subacquee: Gianfranco Loi. Il giovanotto, magro e di buona statura, coevo dei moti socio-culturali di contestazione generalizzata che ha interessato gran parte dei paesi del mondo intero, nel cosiddetto “’68”, pur separato dal mare per una catena montuosa ricca di vegetazione e fauna, viene ben presto rapito dal salino grazie alle lunghe stagioni estive passate nella casa di famiglia a Tunaria (Porto Palma). Alla festa per i suoi dodici anni riceve in regalo la sua prima muta, rossa all’interno. Un regalo appunto ma anche un riconoscimento. Da quel momento Gianfranco diventa agli occhi suoi e di tutto il parentato un giovane pescatore subacqueo. Sulla destra naturalmente impugna un fucile, un Phanter 100 Technisub ad aria compressa e impugnatura centrale. Gli esordi non sono fulminanti. Gianfranco è rapito da quel mondo, dalle rocce e le praterie di posidonia e continua a vederlo e seguirlo, innamorato, ma sempre dall’alto, dalla superficie, da giugno a settembre per tre stagioni intere. A 15 anni la svolta. Qualcuno, educatamente, gli mormora: “se non scendi non peschi”. E così inizia una nuova era, meravigliosa e incredibile. I -15 metri arrivano in men che non si dica e di conserva le catture. Saraghi tanti, orate, corvine, insomma tutti i pesci di tana, comprese le cernie.

Il primo mostro
Ed è proprio con una cernia che Gianfranco festeggia la maggior età. L’uno, undici, 1986, dall’alto di una colonna d’acqua spessa 12 metri, all’ombra della torre di Flumentorgiu, succede… “Mi è sembrato di vedere qualcosa in movimento… un’ombra… sul fondo. Quindi concentro l’attenzione su quel-la pietra dai contorni mutevoli, irregolari. Forse è la testa di un pescione… di una cernia. Ma sì, è proprio lei. 10 minuti di panico, di agitazione, di battiti cardiaci che sembrano una grancassa. Riprendo infine le mie funzioni e armato di un Magnum 105 ad aria compressa, mi stacco dalla superficie in direzione abissi. Lo sparo va a buon fine, così risalgo per riprendere aria. E dopo un millisecondo sono di nuovo giù. Acchiappo il cernione, lo abbraccio, gli infilo i tentacoli in ogni pertugio e tocco terra sempre avvinghiato al mostro. Solo poi, a freddo, il giorno dopo, ho realizzato quali danni può provocare una cernia anche se ormai defunta. Avevo le mani completamente abrase e segnate da innumerevoli tagli dovuti alla superficie irregolare e affilata delle branchie.
Continua a leggere sul giornale...

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Ottobre 2018
Copertina del magazine di Ottobre 2018

Eventi

Prossimo evento

Dal 27 Ottobre 2018 ore 14:00 al 28 Ottobre 2018 ore 14:00