Mondo Pesca/Canna da riva

Le Orate di Katia
9 Ottobre 2018 ore 10:18

Le Orate di Katia

Crescono le quote rosa anche nella pesca. Un ambiente da sempre maschile finalmente si apre ad un nuovo modo di interpretare questa passione. Ecco a voi Katia Atzori: una donna a pesca, tra orate e super polpi.
Federico Melis

Quando la contatto, manco a dirlo, è a pesca. La voce squillante e allegra fa trasparire tutta la sua felicità. Infatti mi confessa che ha appena portato a guadino una bella orata, oltre il mezzo chilo. Katia Atzori, di base a Monastir, una sorella gemella e due genitori che la adorano, puntualmente ricambiati, rappresenta una categoria spesso trascurata, quella delle donne pescatrici. Il nostro, per la verità, è ancora un mondo di maschietti, ma gradualmente la “quota rosa“ sta aumentando ed anche se sono ancora poche le donne che frequentano l’ambiente dell’agonismo, in spiaggia e sui moli della nostra isola, le ragazze sono sempre più presenti, appassionate e determinate. Per questo motivo, la testimonianza di Katia è importante: impariamo a conoscere la pesca da un nuovo punto di vista.
Ciao Katia, ricordi quando hai iniziato a pescare? Molti “debuttano” grazie alla passione dei genitori o di parenti. È stato così anche per te?
La passione per la pesca me l'ha trasmessa mio padre che fin dall'età di 5 anni già ci portava, mia sorella ed io, a pesca con lui. Ricordo che mi dava una canna piccolissima e vecchia; con quella pescavo solo pesciolini piccolini mentre lui solo grandi. Non riuscivo mai a capire il perché. Poi, con il tempo, ho capito che ci vuole pazienza, pratica e tecnica.
Quali tecniche di pesca prediligi?
La mia pesca preferita è il rock fishing perché non si sa mai cosa possa abboccare. Mi piace molto anche la pesca a fondo.
Continua a leggere sul giornale...

Le nostre riviste

Luglio 2018
Copertina del magazine di Luglio 2018
Ottobre 2018
Copertina del magazine di Ottobre 2018

Eventi

Prossimo evento

Dal 27 Ottobre 2018 ore 14:00 al 28 Ottobre 2018 ore 14:00